Presi dai Carabinieri gli altri presunti componenti della banda

Sono stati arrestati dai carabinieri di Palmi, che hanno agito in collaborazione con personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” e del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia, gli altri presunti componenti della banda cui si deve la tentata rapina all’ufficio postale di Rosalì, nella periferia sud di Reggio Calabria, avvenuta il primo ottobre 2019. Il Gip del tribunale reggino, su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Gerardo Dominijanni e del pm Domenico Cappelleri, ha emesso tre ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di Antonio Leonello, di 54 anni detto “Rocco u Bucculu”, Francesco Trefiletti di 29 anni detto “Ciambra” o “Cicciareju” e Giuseppe Oliveri di 30 anni alias “Pergola”.

A vario titolo i tre, secondo gli investigatori che ritengono di avere chiuso il cerchio sulla vicenda, sono ritenuti responsabili della partecipazione alla tentata rapina.
   
    In particolare, stando all’accusa, l’indagato Trefiletti è considerato uno dei vertici del gruppo criminale e si sarebbe premurato di trovare gli uomini ed i mezzi per l’esecuzione della rapina. Il tutto dimostrando particolare cautela anche durante le conversazioni telefoniche intercettate dai carabinieri. Nelle intercettazioni, infatti, Trefiletti ha tentato di depistare gli investigatori in ascolto utilizzando sempre un linguaggio criptico. Gli arresti di oggi fanno seguito all’operazione Organetto che, nell’ottobre 2020, portò all’arresto di altri quattro soggetti coinvolti nella stessa tentata rapina.