I presunti responsabili individuati dai carabinieri

08 APR, RENDE – Avevano preso di mira bar e tabacchi di alcuni comuni del Cosentino per rubare diversa merce tra cui sistemi di videosorveglianza, tabacchi vari, assegni bancari, gli incassi, il denaro contenuto nelle “coin machine”, bottiglie di super alcolici come grappe e champagne Dom Pérignon. I carabinieri delle Compagnie di Rende e Cosenza hanno arrestato due persone, di 23 e 30 anni, uno dei quali è stato posto ai domiciliari, ritenute responsabili dei furti ai danni di strutture commerciali.

Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Cosenza su richiesta della Procura.
    I provvedimenti scaturiscono da un’attività investigativa scattata a seguito dei furti consumati durante lo scorso periodo estivo in alcuni locali pubblici di Montalto Uffugo, Marano Principato e Rovito. All’identificazione dei presunti autori dei furti, gli investigatori sono giunti attraverso un’analisi dei diversi “colpi” messi a segno, tutti contraddistinti dalle medesime modalità d’azione. I ladri, infatti, effettuavano poche ore prima un sopralluogo al fine di verificare la presenza di sistemi di allarme o di telecamere; in un secondo momento, travisati da un cappellino da baseball facevano irruzione nei locali forzando l’ingresso per poi asportare quanto più cose possibili.