Presidente Spirlì tenga fede alle promesse fatte ai lavoratori delle Terme Luigiane e salvi la stagione termale 2021 – Lo chiedono i lavoratori delle Terme Luigiane constatato che i due Sindaci di Acquappesa e Guardia Piemontese tergiversano, sia nel dare una risposta alla proposta avanzata dalla Sateca, nell’incontro tenutosi presso la Regione lo scorso mercoledì 26 maggio, presenti le parti interessate, che alla stessa lettera inviata con diffida dallo stesso presidente Spirlì che invitava i due Sindaci a presentare un report sullo stato delle Terme Luigiane, indicando un crono programma nel quale dovevano essere evidenziate tempi e modalità delle attività di sfruttamento delle acque al fine di salvaguardare l’avvio della nuova stagione termale. Report che doveva essere presentato entro il 20 maggio 2021.

Alla luce del totale silenzio sia dei due Sindaci, che del Presidente Spirlì, i lavoratori sono intervenuti con un nuovo documento e un annuncio che il prossimo tre giugno si ripresenteranno alla cittadella regionale per chiedere spiegazioni in merito. “Il mese di giugno – hanno scritto nel documento – è iniziato ma alle Terme Luigiane continua a persistere un drammatico stallo della situazione legata, non solo alla vertenza di 250 lavoratoriimpiegati direttamente, ma anche relativa alla chiusura di un polo termale d’eccellenza che ogni anno eroga 500.000 prestazioni sanitarie e accoglie decine di migliaia di turisti.

I sindaci dei comuni di Guardia Piemontese ed Acquappesa hanno ricevuto mercoledì sera della scorsa settimana la proposta di accordo discussa durante l’ultima riunione tenutasi lo stesso pomeriggio presso la Cittadella regionale alla presenza del Presidente Spirlì. A seguito dell’incontro i sindaci avrebbero dovuto dare riscontro alla proposta entro 48 ore. Sono trascorsi più di 5 giorni e, al di là dei soliti proclami su face book in cui tentano come al solito di mistificare la realtà, nulla di concreto è accaduto.

Il gioco del “perdere tempo” avviato dalle amministrazioni comunali ormai da mesi ha stancato tutti e la distruzione delle Terme Luigiane continua senza che l’assessore regionale competente Orsomarso si attivi per quelle che sono le prerogative del suo ruolo istituzionale. Negli ultimi tempi abbiamo assistito al festival della prepotenza e dell’illegalità al quale l’assessore ha partecipato da perfetto spettatore, in pieno accordo con il suo amico ed elettore Tripicchio, senza prendere alcuna posizione ufficiale e quindi, nella sostanza, schierandosi apertamente con chi sta facendo di tutto per distruggere il lavoro di migliaia di persone e la più grande attività produttiva del Tirreno cosentino,che in 80 anni di storia imprenditoriale non è mai stata sfiorata dal malaffare e che ha fatto della legalità la sua bandiera. 

Tutti si chiedono – precisano i lavoratori nel loro documento -quali interessi si celino dietro questo agire scellerato, visto chetutte le azioni poste in essere dai due amministratori vanno contro sia la tutela dell’occupazione che la prosecuzione dell’attività termale, contraddicendo in maniera eclatante i miseri e vacui annunci sbandierati qua e là sui social. 

La stagione 2021 è persa, e di ora in ora scema qualunque speranza di poterla salvare anche parzialmente!

Il Presidente Spirlì, dimostrando di essere un uomo libero dalle logiche di palazzo, nelle scorse settimane ha diffidato i due comuni ad adempiere ai loro obblighi di legge in relazione al corretto sfruttamento della risorsa termale, pena la revoca della concessione. Giovedì 3 giugno una rappresentanza dei lavoratori sarà in Regione per chiedere al Presidente di adottare qualunque provvedimento utile a salvaguardare i nostri posti di lavoro e l’erogazione delle centinaia di migliaia di prestazioni sanitarie e a non farci ritrovare di anno in anno a combattere perla nostra occupazione”.