In piazza Navarro la recita del VII canto del Paradiso con l’artista Matteo Fratarcangeli il 6 giugno alle ore 21:00


Rendere omaggio al sommo poeta e realizzare un momento culturale che permetta alla cittadinanza di respirare un po’ di aria di normalità dopo le restrizioni del Covid. E’ un mix di sentimenti la tappa del tour itinerante “La divina commedia in 100 borghi” che vedrà protagonista, il 6 giugno alle ore 21:00, Laino Borgo. In piazza Navarro, con il pubblico in presenza, arriverà Matteo Fratarcangeli che in occasione dei 700 anni dalla scomparsa di Dante Alighieri ha ideato questo viaggio per l’Italia recitando ogni sera un canto della Divina Commedia. 

Patrocinato tra gli altri dall’associazione Borghi Autentici d’Italia – sodalizio al quale aderisce la municipalità guidata dal sindaco Mariangelina Russo – l’evento prevede per la tappa sul Pollino la recita del VII canto del Paradiso e la visione di un filmato multimediale. Il Recital, partito il 31 maggio scorso da Comiso in Sicilia, è prodotto dall’Associazione Culturale “Il Tempo Nostro” e vede la collaborazione del Comune di Macchiagodena in qualità di partner organizzativo.

Ogni giorno, l’artista, porta un canto diverso in un borgo diverso proponendo così un viaggio di riflessione esistenziale verso il concepimento di alcuni grandi temi cari a Dante ma sottotono ai giorni nostri. 

Il sindaco Mariangelina Russo si augura che «l’evento per celebrare Dante sia un momento di incontro per la comunità dopo i lunghi mesi di pandemia e di rinascita culturale ma anche sociale, sperando che sia l’inizio di una lunga serie di eventi all’aperto, e nel pieno rispetto delle norma anti contagio, che caratterizzano la nostra estate. Dante è una figura ineguagliabile nella cultura della storia dell’umanità e ci ha regalato una lingua della quale andare fieri. La lingua identifica un popolo e noi ci sentiamo parte integrante della nostra Italia». 

La tappa di Laino Borgo sarà anche occasione per coniugare cultura e identità con la proposizione, al pubblico, di prodotti identitari del territorio, i paesaggi e gli attrattori turistici, le sue risorse ambientali e naturali. La città del Pollino, unica coinvolta per il versante calabrese, riceverà il testimone ideale di questa staffetta dantesca da Rende dove l’artista si esibirà il 5 giugno, per poi cederlo a Rotonda sul versante lucano del Pollino da dove il viaggio itinerante che propone i canti del Paradiso proseguirà risalendo lo stivale.