“Prevenire e contrastare attacchi o danneggiamenti informatici”

10 GIU, REGGIO CALABRIA – È stato stipulato in Questura a Reggio Calabria, alla presenza del questore Bruno Megale, un protocollo d’intesa per la sicurezza informatica tra la Polizia di Stato ed il Grande ospedale metropolitano “Bianchi-Melacrino-Morelli” di Reggio Calabria. Lo rende noto un comunicato stampa “Il documento – è scritto nella nota – è stato sottoscritto dal dirigente compartimento Polizia postale e delle comunicazioni della Calabria, Vincenzo Cimino, e dal commissario straordinario del Gom, Iole Fantozzi e si inserisce nell’ambito delle attività di prevenzione svolte dalla Polizia di Stato, a protezione dei sistemi informatici e dei collegamenti telematici, specificamente dedicata alle infrastrutture informatizzate di aziende strategiche e di pubbliche amministrazioni, la cui compromissione può causare interruzioni o disfunzioni nell’erogazione di servizi pubblici essenziali”.

“L’accordo odierno – riporta il comunicato – segue quelli analoghi, già sottoscritti con altre Aziende sanitarie in ambito regionale. Il modello di collaborazione tra la Polizia di Stato ed il Gom è basato su condivisioni e analisi di informazioni necessarie a prevenire e contrastare attacchi o danneggiamenti informatici, segnalazioni di emergenze relative a vulnerabilità dei sistemi e sviluppo di attività di comunicazione per fronteggiare le situazioni di emergenza. E’ essenziale, infatti, porre in essere tutte le iniziative atte a prevenire e contrastare ogni forma di accesso illecito, anche tentato, con finalità di interruzione dei servizi di pubblica utilità o indebita sottrazione di informazioni sensibili, prevedendo la possibilità di un intervento immediato qualora si presentassero criticità”.
    “Il coordinamento di tali attività periferiche – è scritto ancora nella nota – è affidato al Cnaipic (Centro nazionale anticrimine informatico e protezione infrastrutture critiche) della Polizia di Stato, istituito a Roma presso il servizio polizia postale e delle comunicazioni, attivo 24 ore su 24, che cura anche l’assistenza e protezione diretta alle più importanti e strategiche infrastrutture informatizzate a livello nazionale e le relazioni internazionali in tale settore”.