LA SFIDA DI 120 RAGAZZI: 3 GIORNI SENZA CELLULARE

IL SINDACO: GENIALE INIZIATIVA PER CULTURA NON VIOLENZA

25 GIU, ALTOMONTE – La Città d’Arte di Altomonte tappa del Get in
touch (mettiti in contatto), il ritiro emozionale antisocial con percorso pedagogico
contro tutte le forme di violenza al quale parteciperanno per 4 week end consecutivi e
provenendo dalla Campania, 120 ragazzi tra gli 11 ed i 17 anni, chiamati alla sfida di
spegnere per tre giorni smartphone e dispositivi tecnologici.
Ad esprimere soddisfazione per l’iniziativa è il Sindaco Gianpietro Coppola, ringraziando con
l’assessore ai servizi sociali Emilia Romeo, l’associazione Felicita per aver voluto condividere con
l’Amministrazione Comunale anche questo importante progetto di sensibilizzazione e prevenzione.
Impegnata nel promuovere la cultura della non violenza di genere, l’associazione Felicita, che ha
sede a Salerno, si batte, tra le altre cose, per l’obbligatorietà dell’educazione sentimentale e sessuale
nelle scuole.
Trovo geniale – conclude Coppola – l’iniziativa che allontana i nostri giovani dal rischio della
dipendenza e li fa riappropriare di una dimensione fatta di rapporti diretti ed autentici, non filtrati da
dispositivi, rete e mondo virtuale. È un ritorno allo stare insieme in semplicità ed armonia dal grande
valore educativo. Ringrazio tutte le colleghe ed i colleghi di Giunta e Consiglio che hanno attivamente
collaborato a questa iniziativa.
Finanziato dalla Regione Campania con risorse statali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali,
l’obiettivo di Get in touch – il futuro è vicino, già partito lo scorso 18 giugno con l’accoglienza del
primo gruppo di partecipanti, è quello di far riscoprire il piacere di comunicare e stare insieme in
maniera naturale, disconnessi e lontani dalla tecnologia. I ragazzi saranno ospitati nell’Ostello della
Gioventù San Giacomo, nel centro storico di Altomonte, uno dei Borghi più belli d’Italia.