COMUNICATO STAMPA

28 GIU, SPEZZANO ALBANESE – In una sera d’estate alquanto afosa a Spezzano Albanese si discute di politica. Ad organizzare il dibattito è un gruppo di giovani con a cuore le sorti del paese che coraggiosamente  sfidando il caldo si sono riuniti per confrontarsi su tematiche politiche, sociali e culturali che riguardano l’attualità e soprattutto il futuro del paese Arbëreshë.

Un aspetto straordinario che mi ha colto di sorpresa e di forte senso civico, riguarda il fatto che non tutti i partecipanti fanno parte di uno schieramento univoco e inoltre alcuni molti giovani ma politicamente già impegnati, alcuni nelle proprie sedi universitarie, che con impegno e passione portano avanti le proprie idee e proposte. Il focus emerso nel dibattito riguarda la centralità del territorio, difficile ma ricco di peculiarità, dove non c’è più cura dell’identità e dove il confronto politico e il dibattito locale è assente ormai da troppo tempo, occorre oltre ogni ragionevole dubbio, buttare le basi per una sana partecipazione alla vita politica. E’ fondamentale uscire da questa inaccettabile situazione di stallo, urge promuovere quel necessario entusiasmo che caratterizzava la vita politica e sociale di Spezzano Albanese, facendole ricoprire quel ruolo strategico e politicamente importante riconosciuto dall’intero panorama politico regionale negli anni che furono. Problematiche e prospettive hanno dato vita ad un interessante confronto politico e mi auguro che sia l’inizio di un nuovo percorso, che punti dritto alla socialità del paese e alla partecipazione democratica, per la ricerca di quell’anima collettiva, essenziale per il benessere di una comunità.

Cataldo Pugliese

Delegato nazionale L’Italia del Meridione, Dipartimento Minoranze