Nella discarica di Columbra non arriveranno rifiuti dalle altre province. E’ quanto riportato nell’ordinanza del sindaco Enzo Voce a tutela della salute pubblica.

20 LUG, CROTONE – Nella giornata di ieri, i sindaci Ato, si sono riuniti presso la discarica privata Sovreco e come riferito nel corso della riunione del Consiglio Comunale, il sindaco Vincenzo Voce ha emesso una ordinanza contingibile e urgente a tutela della salute pubblica per il servizio di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Nell’ordinanza il sindaco ordina alla società Sovreco di provvedere dal 20 luglio 2021 al 31 luglio 2021 (compreso) – e comunque entro il limite complessivo abbancabile nella discarica di Crotone pari a circa 4.000 tonnellate – allo svolgimento del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani nel proprio impianto, ubicato in Crotone- loc. Columbra, di rifiuti non pericolosi individuati e prodotti dall’impianto di trattamento dei rifiuti urbani sito in Crotone alla località Ponticelli a servizio dell’ambito territoriale ottimale.

Alla società Ekrò di provvedere ad effettuare dal 20 luglio al 31 luglio 2021 e comunque entro il limite complessivo abbancabile nella discarica di Crotone pari a circa 4.000 tonnellate – il conferimento degli scarti di lavorazione eccedenti i quantitativi stabiliti dell’Ato 3 Crotone in esecuzione dei provvedimenti emergenziali regionali presso la discarica di Columbra – Crotone di proprietà della società Sovreco s.p.a.

Con questo provvedimento si fronteggia l’emergenza che si è creata in città a seguito della difficoltà di conferimento e si ferma ogni tentativo di utilizzare l’impianto per far conferire la spazzatura dalle altre province della Calabria.