Le precisazioni arrivano da Giuseppe Pascale vicesindaco della cittadina tirrenica

21 LUG, DIAMANTE – Il vice sindaco di Diamante, Giuseppe Pascale, ha diramato una nota nella quale spiega che “in riferimento all’inchiesta giudiziaria (Archimede) di cui si è avuto notizia ieri – scrive – riguardante il settore della depurazione nell’Alto Tirreno Cosentino, vogliamo precisare che dalle indagini non emerge alcuna contestazione di presunte irregolarità riguardanti i depuratori del Comune di Diamante“.

“Intendiamo pertanto, rassicurare residenti e ospiti della nostra città, sul perfetto e corretto funzionamento dei nostri impianti di depurazione. Si ribadisce anche in questa occasione la nostra piena fiducia nell’operato delle Forze dell’ordine e della Magistratura inquirente che svolgono un fondamentale lavoro sul territorio”.