Guccione “pubblicato il decreto dirigenziale. l’Asp di Cosenza è nelle condizioni di poter procedere alle assunzioni a tempo indeterminato”

27 LUG, COSENZA – Si sblocca finalmente la procedura per le assunzioni di dottori per garantire il servizio di guardia medica nei comuni della provincia di Cosenza. Erano oltre un centinaio quelli senza assistenza sanitaria. Come ha evidenziato in una nota del consigliere regionale del Pd Carlo Guccione, “lo scorso 23 luglio avevamo denunciato che, per responsabilità della Regione Calabria, migliaia di cittadini della provincia di Cosenza erano stati lasciati senza assistenza sanitaria a causa della mancata pubblicazione del decreto della Giunta regionale con l’individuazione delle zone carenti di continuità assistenziale (Guardia medica) individuate dall’Asp di Cosenza e Catanzaro. Ieri finalmente è stato pubblicato il decreto dirigenziale numero 7705 del 26/07/2021 che dispone la pubblicazione degli incarichi vacanti di continuità assistenziale individuati dall’Asp di Cosenza e di Catanzaro per gli anni 2017-2018-2019-2020.
Si chiude così l’ultimo atto di una vicenda tanto grave quanto paradossale. Oltre 100 Comuni della provincia di Cosenza non avevano il servizio della Guardia medica; sono in totale 123 e complessivamente 410 gli incarichi di assunzione di medici di 24 ore settimanali a tempo indeterminato che oggi possono essere attivati dopo la pubblicazione del decreto della Giunta regionale. Ora, infatti, l’Asp di Cosenza è nelle condizioni di poter procedere alle assunzioni a tempo indeterminato di centinaia di medici in modo da coprire le postazioni di Guardia medica sguarniti”.

“Migliaia e migliaia di cittadini che vivono nelle aree interne – scrive ancora Guccione – potranno ricevere la giusta assistenza sanitaria. Un obiettivo importante sia in termini occupazionali, con l’assunzione di medici a tempo indeterminato, che in termini sanitari, con il potenziamento della medicina territoriale e una maggiore garanzia dei Livelli essenziali di assistenza. Un obiettivo, tra l’altro, previsto all’interno di una delle missioni del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza che mira a potenziare l’assistenza territoriale attraverso l’assistenza di prossimità e la telemedicina, prevedendo ospedali di comunità e case di comunità (una ogni 20 mila abitanti). In particolare, l’assistenza domiciliare mira a curare a casa oltre il 10 per cento degli over 65, oggi in Calabria siamo al di sotto del 2 per cento. Ora chiediamo all’Asp di Cosenza di accelerare le procedure, velocizzare i tempi e di avviare al più presto l’iter delle assunzioni a tempo indeterminato per la copertura delle postazioni di Guardia medica”.