I Nas sospendono l’attività e sequestrano il locale

07 AGO,  REGGIO CALABRIA – I Nas di Reggio Calabria hanno sequestrato cinquecento chili di pesce destinato alla preparazione di sushi conservato male e in qualche caso infestato da insetti. Il sequestro è avvenuto in un ristorante etnico della città nell’ambito di un’attività finalizzata alla repressione della vendita di pescato nocivo per la salute.

Il titolare del locale è stato denunciato per cattiva conservazione di alimenti. Sospesa l’attività commerciale.
    I carabinieri del Nas, nel corso di un’ispezione, hanno trovato all’interno di vecchie celle frigorifere, ormai non idonee per la conservazione, centinaia di chili di salmone arbitrariamente congelato e venduto per fresco, mentre nelle cucine ed in altri locali altro pesce e carne privi di tracciabilità e infestati da scarafaggi e altri insetti.
    La cucina del ristorante presentava, inoltre, sporco pregresso anche da diversi mesi. Sul posto è intervenuto anche il personale del Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale.
    Al proprietario del locale è stata comminata una multa per oltre 4mila euro. il valore del pesce sequestrato è di 25mila euro.