06 SET, CASSANO IONIO – Dopo aver sviluppato nelle precedenti assemblee il tema della fede indebolita dalla crisi educativa e dai processi di scristianizzazione, attraverso la via della parrocchia quale luogo immagine della comunità ecclesiale e la via del Battesimo quale germe di rinnovamento e verifica della tenuta delle nostre comunità, la diocesi di Cassano All’Ionio nei giorni 10 -11 e 18 settembre prossimi, si ritrova convocata dal suo vescovo mons. Francesco Savino, a celebrare la sua settima Assemblea diocesana, dal titolo: “Una chiesa sinodale: come?”, che si terrà presso le tre vicarie: parrocchia San Girolamo in Castrovillari; di Cassano – parrocchia Sacri Cuori di Gesù e di Maria in Lauropoli e dell’Alto Jonio – parrocchia Cuore Immacolato di Maria in Trebisacce. Le relazioni saranno trasmesse in diretta streaming con i relatori in presenza da Castrovillari e potranno essere seguite in diretta streaming attraverso i canali social e dal sito della Diocesi, affidate a Cristina Simonelli, Marinella Perroni, e a don Cosimo Scordato, teoliigi. Da più parti, e continuo, è il tentativo di estromettere la fede dalla vita pratica e civile delle persone, pensando che il cri­stianesimo sia soltanto un problema di cuore, cioè intimo, privato. In generale, il laicismo non credente e ateo tollera la fede cristiana come una «opinione» tra le altre: si può credere quello che si vuole, purché non si pretenda che la fede vissuta dica la verità dell’uomo e della storia o che esca dai templi del­le chiesa. La religione in Italia ha perso il vincolo della osservanza ed è diventata sempre più oggetto di preferenza. È molto diffuso l’individualismo del credere che può dar vita a percorsi religiosi autonomi. Non a caso, mons. Savino, nel documento programmatico per il Sinodo: “Il popolo ha sete”.  Crisi e futuro di cristianesimo” riecheggiando una espressione del teologo protestante Paul Tillich, che già a cavallo degli anni ‘60 del secolo scorso parlava di ingresso nell’epoca postcristiana, si chiede: “il messaggio cristiano, specialmente la predicazione cristiana, è ancora rilevante per le persone del nostro tempo?

Anche la Chiesa particolare che è in Cassano All’Ionio, vive questa crisi di crescen­za, ma nel suo intimo va rintracciando conversione alla scuola del suo Signore, per farsi più attenta alla sua pa­rola, per imparare a decifrare i “segni dei tempi” e soprattutto per ricompattarsi do­po lo sfaldamento ingenerato dal tumultuoso cambiamento epocale e ri­trovare la libertà di servire in povertà e letizia la causa del Regno. Da al­cuni anni, infatti, attraverso le programmatiche assemblee settembrine, sempre più ricche di provocazioni e di stimoli, si va interrogando su come rendersi te­stimone credibile del Risorto e su quali strategie privilegiare per intervenire efficacemente nell’opinionismo transculturale che tipicizza l’oggi della storia. Perciò nei giorni 10 -11 e 18 settembre, con le conclusioni del vescovo, la diocesi si  ritroverà e si predisporrà con slancio più generoso e rinnovato a vivere la grazia del Sinodo. “Una chiesa sinodale: come?”, secondo i propositi del vescovo, vuole essere un pre-ingresso nell’ormai prossimo Sinodo, un cammino di verità, di radicalità, di totalità ed è l’occasione – secondo mons. Savino –, per ritrovare la strada della vita, la vera strada negli im­pervi sentieri della storia, oggi. “Il cammino della sinodalità è il cammino che Dio si aspetta dalla Chiesa del terzo millennio” va sostenendo con ardore apostolico Papa Francesco!  Una Chiesa sinodale, non può limi­tarsi a descrivere il dramma, né porsi come dirimpettaia nella con­correnza ideologica, di influenze e così via, ma come rottura come novità radicale, come alternativa in Cristo. E se come chiesa vogliamo instradare il mondo sulle piste di Dio, dobbiamo fare Pasqua – ha ribadito mons. Savino – con­vertirci all’uomo nuovo, lasciando dietro tutti i nostri idoli. La vera Chiesa non nasce organizzativamente ma nella vitale esperienza del cristo risorto e glorificato. A don Giovanni Maurello, le comunicazioni sul percorso sinodale.