17 SET, CARIATI – IL FUTURO DEI MAESTRI D’ASCIA TRA IDENTITÀ E
DESIGN. È, questo, il titolo dell’evento pubblico di presentazione del progetto di alta formazione per
la qualifica professionale di Maestro d’Ascia finanziato nei mesi scorsi dalla Regione Calabria, in
programma oggi, venerdì 17 settembre, alle ore 11, nella sala consiliare di Piazza Rocco Trento,
nel centro storico. All’iniziativa interverrà anche l’assessore regionale allo Sviluppo Economico,
Turismo e Internazionalizzazione, Fausto Orsomarso.
È quanto fa sapere il Sindaco Filomena Greco esprimendo soddisfazione e ringraziando a nome suo
personale e dell’Esecutivo cittadino la Regione Calabria per aver sostenuto – sottolinea – con
convinzione un percorso di valorizzazione, promozione e rilancio manageriale di uno dei patrimoni
identitari più importanti e qualificanti della nostra terra.
Insieme al Primo Cittadino ed all’assessore Orsomarso interverranno Damiano Montesanto, già
Sindaco di Cariati e in rappresentanza dell’Associazione Otto Torri sullo Jonio tra i promotori
dell’iniziativa insieme al Comune. Porteranno il loro contributo anche gli artisti e designer Maurizio
Orrico e Enrica Vulcano.
Siamo contenti – prosegue il Primo Cittadino – perché l’iniziativa regionale si inserisce nel quadro
dell’impegno noto e consolidato che questa Amministrazione Comunale porta avanti sin dal suo
insediamento, di attenzione ragionata e prospettiva alla rivitalizzazione degli antichi mestieri (su
tutti quello die vucalari/vasai e della tessitura), dell’artigianato e degli eventi identitari distintivi
collegati a queste tradizioni professionali (come la storica Regata dei Gozzi), in chiave di sviluppo
dei turismi ed economico.
Aver zumato – conclude la Greco – così come ha fatto la Regione Calabria sulla valorizzazione e
sulla formazione connessa alla realizzazione del gozzo da pesca della tradizione nautica cariatese,
tra i marcatori identitari distintivi del territorio e della Calabria colloca questa importante eredità
culturale ed artigianale al centro di un una visione di crescita eco-sostenibile dei territori che
condividiamo e sosteniamo.
La formazione di risorse umane qualificate che possano trovare una collocazione nel mondo del
lavoro, la promozione di una imprenditorialità innovativa in attività connesse e compatibili, il
rafforzamento dell’identità territoriale della regione per l’unicità della tradizione della costruzione
artigianale di barche in legno e degli antichi mestieri calabresi, il miglioramento della qualità della
vita della popolazione locale. Sono, queste, in particolare, le finalità del progetto regionale.
L’idea – è spiegato nella delibera regionale dello scorso mese di agosto e che fa seguito alla visita
dell’assessore Orsomarso ai cantieri degli storici Maestri d’Ascia di Cariati in occasione della missione
con le camere di commercio italo – americane lo scorso mese di luglio – è, dopo un’accurata e
ricercata azione di design, progettazione e innovazione, quella di rilanciare il gozzo cariatese anche
con la finalità di realizzare un prodotto da impiegare per la nautica da diporto ad elevato potenziale
di mercato come dimostrato dalle analoghe esperienze del rilancio con le medesime modalità del
gozzo sorrentino e del gozzo ligure.