RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il primo cittadino rappresenta la massima autorità sanitaria locale ed ha il dovere di difendere la propria città in tema di sanità. Nonostante ci dividano i colori politici concordo con il nuovo Presidente della Giunta Regionale che chiede con forza la fine dei commissariamenti in Calabria. Da Sindaco di questa città mi batterò con forza per affermare il diritto alla salute sancito dalla costituzione. La sanità non ha bandiere partitiche, ma è un diritto che va difeso con le unghie e i denti da chi governa i processi politici. La mia visione di Cosenza2050 sulle priorità del Piano della sanità di Cosenza prevede come primo atto amministrativo l’individuazione del sito dove nascerà il nuovo ospedale HUB della città. Nei 12 ettari dell’area di Vaglio Lise, il nuovo ospedale svolgerà una duplice funzione: da una parte sarà erogatore di servizi sanitari per tutta l’area urbana e dall’altra servirà da motore di riqualificazione di una zona periferica della città.

La riorganizzazione del sistema sanitario nazionale passa da un’impostazione ospedalecentrico ad una sanità territoriale, che guarda alle esigenze dei cittadini attraverso strumenti come: telemedicina, assistenza domiciliare e di prossimità per dare risposte celeri ai pazienti. Il PNRR è un’opportunità per finanziare una nuova organizzazione del sistema territoriale che prevede ogni 20.000 abitanti una “Casa di Comunità” e Cosenza sarà dotata di tre Case di Comunità che nasceranno al Nord, al Centro e al Sud della città. Una struttura di quartiere – la Casa di Comunità – in cui troveranno posto medici di famiglia, specialisti, infermieri e assistenti sociali. Questa impostazione generale, insieme al nuovo Ospedale di Vaglio Lise, darà vita ad una infrastruttura sanitaria della grande area di Cosenza, Rende e Castrolibero.

Sono determinato nel dimostrare che con la giusta sinergia istituzionale raggiungeremo l’obiettivo di ridare dignità alla nostra città.

Franz Caruso