È terminata la prima parte del festival Diàlogos, organizzato dalla cooperativa Teatro in note con la direzione artistica di Vera Segreti in sinergia con l’amministrazione comunale guidata da Felice Adamo, a Figline Vegliaturo con un grande successo di pubblico. Un pubblico composto da tanti cittadini e dagli studenti che si sono avvicinati al mondo della filosofia in maniera differente. Fra i momenti più importanti della prima parte del festival c’è stata la lectio con annessa premiazione del professore Pietro Bria, psichiatra, già docente all’Università Cattolica di Roma, di origini calabresi che ha dialogato con Gaetano Marchese di Teatro in note.

Un momento alto di Diàlogos che ha emozionato tutti i partecipanti.

“Ora il festival procede spedito verso la sezione arte – dice il direttore artistico Vera Segreti – continueremo a sollecitare le menti dei nostri giovani con l’arte dopo averlo fatto con la filosofia”.

La seconda parte del festival, quella dedicata all’arte appunto, si terrà a partire dal 12 novembre. Si inizia proprio la sera alle 21 con il concerto di Valentina Balistreri in Balistreri canta Balistreri e musiche da Sud e che vedrà alla chitarra Massimo Garritano. Il concerto si terrà al Centro Pisl di Piano Lago.

Nello stesso luogo, alle 21, del 13 novembre ci sarà il trittico che Libero Teatro dedica a Pirandello con L’uomo dal fiore in bocca, La Giara e La Patente con in scena Graziella Spadafora diretta da Max Mazzotta. 

Terzo e ultimo spettacolo sarà quello di Sasà Calabrese, Dario De Luca e Daniele Moraca dal titolo Aspettiamo senza avere paura domani che si terrà il 14 novembre al Centro Pisl di Piano Lago.

Il festival chiude il 16 dicembre nella Sala consiliare del Comune di Figline con la premiazione degli elaborati degli studenti. Nella stessa giornata e nello stesso luogo verrà inaugurata la mostra di pittura Da tanto rovinoso mare poco suono giunge – collettiva di artisti italiani e stranieri con opere di  A. Yoemir (Cuba), Z. Rodin Sotologno (Cuba), A.Garcia (Cuba), N. Stoyanov (Bulgaria), 

W. Kopczinski (Polonia), D. Bruno(Italia), A. Granata (CS), S. Lo Celso (Italia), F. Magli detto Francomà (Italia), F. Iozzi (Italia).