“Sono stato a Palazzo Chigi, ed è arrivato il primo importante frutto del lavoro svolto nelle ultime settimane: il Consiglio dei ministri ha deciso di nominarmi commissario per la sanità in Calabria. Dopo oltre un decennio, la gestione di questo delicato settore torna, così, ai calabresi. Avevo preso un solenne impegno con i cittadini in campagna elettorale. Questo obiettivo è stato raggiunto già con il primo Cdm dopo la mia proclamazione a presidente”.

Il governatore ha quindi voluto ringraziare per primo il premier ,Mario Draghi, al quale – afferma – ho chiesto un incontro per approfondire i temi che riguardano la Calabria” così come il ministro dell’Economia Franco e quello della Salute Speranza, con un ringraziamento inviato anche al commissario uscente Longo. Da domani sarò, dunque, impegnato anche su questo delicato fronte, e sulla riforma della sanità si misurerà il successo o meno del mio governo regionale. prosegue Occhiuto. Chiederò all’esecutivo nazionale di adoperarsi per dare attuazione alla sentenza della Corte Costituzionale proprio sul commissariamento della sanità in Calabria – prosegue Occhiuto – affinché il commissario possa essere coadiuvato da esperti selezionati da lui stesso e dal governo. La sfida sulla sanità la dobbiamo vincere, e se ci sarà un vero gioco di squadra sarà meno arduo primeggiare in questa difficile partita. Sono pronto a giocare in attacco – conclude il neo governatore della Calabria – per far voltare definitivamente pagina alla Regione, per consentire ai calabresi di avere finalmente i servizi e l’assistenza che meritano. Ci vorrà un po’ di tempo, ma ci riusciremo”.