L’avvocato Andrea Gentile di Cosenza è il successore di Roberto Occhiuto alla Camera dei deputati. Il suo ingresso in Parlamento coincide l’adesione al gruppo parlamentare di Forza Italia. Figlio dell’ex sottosegretario allo Sviluppo Economico, Tonino Gentile, già senatore della Repubblica Italiana, candidato nel collegio del Tirreno cosentino alle politiche del 2018 conquistò il 34% dei consensi e oltre 41mila voti e risultò il primo dei non eletti.

Queste le sue prime dichiarazioni in Aula di Montecitorio durante la proclamazione a Deputato della Repubblica: “Preliminarmente vorrei rivolgere un sentito ringraziamento al Presidente Berlusconi e al coordinatore Tajani che nel 2018 mi vollero candidare nel Collegio uninominale Paola-Castrovillari della regione Calabria. 

Certamente le condizioni politiche di oggi e di quello che resta della legislatura sono completamente mutate. Ma, adesso come allora, Forza Italia rimane un perno fondamentale del sistema politico e istituzionale del nostro Paese”. 

E continua: “Ho accettato la carica con grande entusiasmo e mi prodigherò affinché il ruolo assegnatomi venga svolto con competenza e professionalità a favore del Paese e soprattutto della Calabria che mi ha dato i natali. Ritengo che in questo momento storico l’Italia, per la prima volta in Europa, stia assumendo un ruolo decisivo e di primo piano e, a mio avviso, la concordia fra le forze politiche è stata la base del rilancio economico e istituzionale del nostro paese. È naturale che mi prodigherò con tutte le mie forze affinché la Calabria con il nuovo Governo presieduto dall’amico e presidente On. Roberto Occhiuto, che ringrazio, possa recuperare i ritardi storici della nostra regione. La sfida non è impossibile ma noi figli di questa terra dobbiamo tutti rimboccarci le maniche per ridare alla Calabria il prestigio perduto e la dignità che merita. Sono orgoglioso di essere calabrese, disciplinatamente seguirò le decisioni del mio partito, Forza Italia, guidato egregiamente dal Sen. Mangialavori”. 

Nella chiusa il ringraziamento va: “in particolare a tutti gli elettori del mio collegio che mi hanno dato tantissimi consensi e che oggi spero di poter rappresentare con impegno, onestà e determinazione”.