L’organismo, costituito all’interno del Corpo di polizia locale di Crotone come unità specializzata nelle violazioni, attinenti l’abbandono di rifiuti e il rispetto del d.lgs. 152/2006 oltre che delle normative regolamentari dell’ente comunale in materia di rifiuti, si avvale di strumenti di controllo del territorio di vario tipo come le telecamere di videosorveglianza, fototrappole acquistate e altre in fase di fornitura con tecnologia di visione notturna.

“Il sistema di controllo e sanziona mento – si legge in una nota stampa – è stato adeguato dal punto di vista normativo, in linea con le prescrizioni del regolamento europeo sul trattamento dei dati sensibili. Il personale, adeguatamente formato sia dal punto di vista giuridico che informatico è autorizzato con atti formali quale DPO, cioè operatori che possono visionare e trattare i dati sensibili per le finalità’ di istituto”.

Poche ore dopo l’ultimazione dei lavori che hanno consentito di rendere operativo il nucleo, gli agenti hanno proceduto alla contestazione formale del verbale di violazione degli artt. 192 e 255 del D.lgs. 152/2006, avendo individuato, dalla visione dei primi filmati, una persona, L.P., originario del luogo, che nei pressi della villa comunale stava abbandonando una quantità consistente di rifiuti, anche ingombranti, su strada. Il verbale contestato, pari a 600 euro, se pagato in misura ridotta, può arrivare ad un massimo di 3.000 euro qualora non si proceda al pagamento nei termini. Allo stesso, contestualmente è stata intimata l’immediata rimozione con avvio dello smaltimento di tutti i materiali. Cosa che ha già provveduto a fare. In caso contrario può scattare l’ordinanza sindacale la cui inottemperanza può portare alla denuncia penale.

”Il nucleo operativo ambientale – continua la nota – procederà in egual modo su tutto il territorio comunale. A tal fine, si invita la cittadinanza ad essere rispettosa delle regole sullo smaltimento dei rifiuti e si ricorda che in caso di rifiuti pericolosi le sanzioni sono anche più gravi. Avviato, inoltre, il percorso di attività formativa, con appositi moduli formativi teoria/pratica, per i nuovi assunti nel corpo di Polizia Locale. Attività di formazione, voluta dal vice sindaco di Crotone, Rossella Parise, al fine migliorare, fin da subito, gli standard professionali dei nuovi agenti. Le attività sono curate da Luigi Boito”.