15 NOV, COSENZA – Si è svolta, da venerdì 12 a domenica 14 novembre 2021, presso il centro di formazione regionale del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria, a Frascineto (CS), la prima sessione del programma volto a formare nuovi Tecnici di Ricerca del Soccorso Alpino e Speleologico. A sovrintendere al corso, al quale hanno partecipato 13 tecnici provenienti dai servizi regionali di Calabria, Basilicata e Campania del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, una commissione composta da un Coordinatore di Ricerca Formatore (CORF) indicato dalla Scuola Nazionale Direttori Operazione di Soccorso (SNADOS) e due Coordinatori Operatori di Ricerca (COR) appartenenti al Soccorso Alpino e Speleologico Calabria.

Un percorso formativo molto intenso con l’obiettivo di voler formare tecnici estremamente preparati che siano in grado di realizzare strategie volte al ritrovamento delle persone disperse, attività che impegna sempre di più gli uomini e le donne del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.

Gli argomenti affrontati durante il corso hanno spaziato dalla cartografia su mappa all’uso di software digitali cartografici in 3D, dalla gestione del personale ai sistemi di geolocalizzazione dei tecnici durante le battute delle aree, dall’organizzazione delle squadre durante le operazioni di ricerca in ambiente impervio, montano ed ipogeo alla spiegazione delle normative e delle leggi dello Stato