È in corso, a cura dell’Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura, l’Arcea, la liquidazione di circa 77 milioni di euro, tra domanda unica e programma di sviluppo rurale.

“L’attività di erogazione delle risorse economiche in favore del comparto agroalimentare – dichiara l’assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo – riprende con vigore. L’agricoltura è al centro dei programmi di sviluppo della Giunta regionale guidata dal presidente Occhiuto: l’intensificarsi del lavoro degli uffici testimonia di un’attenzione che è e sarà massima per un settore fondamentale per l’economia e la crescita della Calabria”.

Nello specifico, attraverso il kit n. 2 del 2021 di domanda unica, sono stati erogati 67.659.801,15 euro, in forma di anticipo, in favore di 47.762 agricoltori. “Per quanto concerne il Psr, invece, – si legge in una nota stampa – con il decreto n. 121 sono andati in pagamento 9.303.894,50 euro, a vantaggio di 158 beneficiari delle misure sia a superficie (10 “Pagamenti agro – climatico – ambientali” e 11 “Agricoltura biologica”) sia strutturali (“Pacchetto giovani”; misure 4 “Investimenti in immobilizzazioni materiali”; 6 “Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese”; 7 “Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali”; 8 “Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste”; 16 “Cooperazione”; 19 “Sostegno all’approccio Leader ed ai Gruppi di azionale locale” e 20 “Assistenza tecnica”)”.

Le somme in questione vanno ad aggiungersi a quelle per le quali la liquidazione era iniziata già nei giorni scorsi, per un importo di ulteriori 11.502.079,8 euro per altri 14.302 beneficiari, in ossequio a decreti legati all’avanzamento del Psr.

In più, attraverso il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, Feamp, in arrivo un sostegno concreto per i pescatori calabresi, fortemente penalizzati dalla pandemia. Sono stati pubblicati e resi disponibili sul portale istituzionale www.regione.calabria.it gli elenchi definivi del bando pubblico per la selezione delle domande a valere sulla misura 1.33 par. 1 lett. d) “Arresto temporaneo dell’attività di pesca (per emergenza Covid-19)”, valido per l’annualità 2021.

“Già prima dell’estate – sostiene l’assessore regionale alle Politiche agroalimentari, Gianluca Gallo – si era deciso di attivare questa misura, per far fronte alle difficoltà economiche patite dagli operatori di uno dei più importanti comparti produttivi calabresi a seguito dei ripetuti arresti delle attività lavorative indotti dalle ondate pandemiche, nello specifico con riferimento al periodo ricompreso tra il 1° febbraio ed il 31 dicembre 2020. Con la pubblicazione della graduatoria definitiva gli interessati potranno ora ricevere aiuti utili a compensare, almeno in parte, le perdite subite dal settore, sostenere l’attività dei pescatori calabresi ed arginare le conseguenze della crisi dei mercati ittici”.