“In Calabria, qualche anno, fa c’erano 42 ospedali, uno all’ombra di ogni campanile. Si è deciso di chiuderne alcuni perché la sanità non è fatta solo di ospedali. Ha bisogno anche di presidi territoriali e l’emergenza della pandemia ha dimostrato come, soprattutto al Sud, ci sia carenza da questo punto di vista”. Lo ha detto il presidente della giunta regionale calabrese, Roberto Occhiuto, intervenendo a “Oggi è un altro giorno”, su Rai1.

“L’ospedale di Cariati, però, – ha proseguito Occhiuto – probabilmente meritava di rimanere aperto, perché era un ospedale produttivo e i cittadini non si sono mai arresi alla sua chiusura. Adesso la sanità calabrese è nelle mani del presidente della Regione, che è anche commissario. Se ci saranno le condizioni – ha concluso il governatore – lo riapriremo presto, e magari inviterò alla cerimonia di apertura anche Roger Waters dei Pink Floyd”.