‘Persone e territori, rigenerazione, inclusione, innovazione’

14 DIC, ROMA – “A 15 anni da Expo Milano, il governo italiano, in partnership con il Comune di Roma, i suoi cittadini, le autorità locali e il Paese nel suo insieme, presenta oggi la sua candidatura per ospitare l’Expo Mondiale del 2030 a Roma, la Città Eterna, dal 25 aprile al 25 ottobre, con il titolo ‘Persone e territori: rigenerazione urbana, inclusione e innovazione’.


    Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, nel presentare la candidatura di Roma ad ospitare l’Expo del 2030 all’Assemblea generale del Bureau International des Expositions (Bie).

Negli ultimi decenni, le nostre società e le nostre città hanno subito gli effetti della globalizzazione e della digitalizzazione, ulteriormente accentuati dalla pandemia di Covid-19. Queste tendenze vanno oltre lo spazio fisico che condividiamo, cancellando le distanze e suggerendo un possibile declino della concentrazione urbana”, ha proseguito Di Maio.
    “Tuttavia, anche in questo contesto – ha aggiunto il ministro degli Esteri – le città non smettono mai di attrarre persone, perché prevale soprattutto la nostra voglia di interazione sociale. Le nostre città sono l’espressione dell’attività umana; crescono e si sviluppano intorno ai bisogni e alle aspirazioni dei loro abitanti; si trasformano grazie alle idee e alla creatività dei loro cittadini. Questo è il tema dell’Expo di Roma 2030”.