Il rogo è divampato da un braciere a legna. Una testimone: “I bimbi morti nel sonno”

17 DIC, FOGGIA – Due fratellini di 2 e 4 anni sono morti in un incendio che si è sviluppato attorno alle 9 nel campo nomadi di Stornara a Foggia. 

Le vittime sono di nazionalità bulgara: il maschietto aveva 4 anni, la sorellina 2. Quattro i moduli abitativi distrutti dalle fiamme.

Pare che i piccoli fossero a letto al momento del rogo.

Il rogo sarebbe divampato da un braciere a legna ricavato nei bidoni usati per conservare l’olio.

Sarebbe questa la prima ipotesi al vaglio dei vigili del fuoco. 

“Il padre era andato a lavorare in campagna mentre la mamma era andata in bagno. Quando la donna è tornata ha trovato la baracca in fiamme”. E’ la testimonianza di Rosaria, una donna romena che vive da sei mesi nel campo rom di Stornara. “I bambini dormivano – dice la donna -. Quando la mamma è tornata ha visto le fiamme”.

Quello di Stronara è uno dei più grandi insediamenti abitativi dei rom con circa mille presenze, prevalentemente cittadini bulgari.

Sul posto sono giunti il prefetto di Foggia, Carmine Esposito, e il pm di turno, Roberta Bray, che ha avviato un’indagine.