La tre giorni,  che ha avuto come scenario la città di Scalea, cofinanziata dalla Regione Calabria e promossa da Arca (Associazione Albergatori Riviera dei Cedri), in collaborazione con la fondazione ITS Elaia Calabria e l’associazione Didas Calabria, ha visto la partecipazione degli istituti di Cosenza, Paola, Praia a Mare, Tropea e Vibo Valentia.

“Le profonde trasformazioni che hanno caratterizzato la società negli ultimi venti anni – ha evidenziato Angelo Napolitano, presidente di Arca – hanno determinato cambiamenti nei gusti, negli stili di viaggio e di acquisto. Questo comporta anche l’esigenza di aggiornare le pratiche e le figure professionali, dotandole di nuovi saperi e di maggiori competenze”.

Secondo Michele Capalbo, di Didas Calabria Il Master Arca Calabria”, giunto alla sua IV edizione “nasce proprio per dare ai giovani partecipanti l’opportunità di accrescere le loro competenze professionali e fare esperienza”.

Gli studenti, accolti nella struttura dell’Hotel Parco dei Principi, si sono cimentati in diverse prove, sottoposti al giudizio di una Giuria di esperti che ha dato loro consigli e suggerimenti. La sezione di “Enogastronomia – piccola pasticceria” ha previsto la realizzazione di un dolce mignon che avesse tra gli ingredienti principali i “Fichi di Cosenza” Dop o la “Liquirizia di Calabria” Dop.

La sezione “Servizi di sala e di vendita” si è basata principalmente sulla degustazione alla cieca di vini bianchi e rossi calabresi. La sezione “Enogastronomia – cucina” ha visto i ragazzi preparare  un piatto con le alici come elemento principale. Le tre squadre finaliste hanno poi affrontato una prova a tempo per la preparazione di un primo piatto con un paniere di prodotti tipici calabresi “misteriosi”;

Ha vinto il Master “enogatronomia – piccola pasticceria” e il Master “Servizi di sala e vendita” l’IPSEOA San Francesco di Paola. L’IPSEOA di Praia a Mare si è aggiudicata il Master “Enogastronomia – cucina”. l’IIS Mancini di Cosenza è stato il primo nel Master “Accoglienza Turistica”.