Il Comune di Castrolibero su proposta dell’assessorato ai Lavori Pubblici ha approvato, nei giorni scorsi, un progetto di Fattibilità Tecnica ed Economica dei lavori, redatto dall’Ufficio Tecnico Comunale, di “Riqualificazione ambientale ed urbanistica del Torrente Campagnano e delle aree adiacenti e connessi interventi finalizzati al turismo sportivo”. L’importo complessivo, attraverso la richiesta di finanziamento sul Contratto Istituzionale di Sviluppo della Calabria (CIS), è di € 19.400.000,00.

L’intervento, dislocato in tre aree funzionali, è finalizzato a valorizzare la risorsa ambientale dell’asta fluviale in tutte le sue potenzialità, per farne riscoprire la bellezza naturale in un’ottica di azioni sostenibili negli ambiti sia della riqualificazione ambientale ed urbanistica sia turistico. L’intento è di trasformare una risorsa ambientale degradata e degradante per l’ambiente circostante in risorsa in grado di stimolare il rilancio dell’economia sostenibile, la crescita occupazionale e sociale del territorio e dell’intera area urbana cosentina e del suo hinterland contribuendo, inoltre, al mantenimento dei livelli ottimali di sicurezza e di prevenzione del rischio idrogeologico. 

Completamento del Parco Fluviale in prosecuzione di quello già realizzato, sentiero naturalistico lungo le sponde del Torrente Campagnano, sistemazione ambientale dell’alveo dello stesso; aree attrezzate in corrispondenza del Ponte Romano e della Fontana di Orlando; laghetto per pesca sportiva, campo pratica golf, sono solo alcuni degli interventi presentati. A cui si aggiungono: la riqualificazione dell’area del vecchio Mulino Ferraro (Parco Naturale del vecchio Mulino) e della località Marchesato, nei pressi del Polo scolastico di Castrolibero; quest’ultimo, inoltre, favorirà un utilizzo da parte della popolazione scolastica costituita da oltre 1300 studenti, oltre a richiamare gli utenti della prospiciente area sportiva del comune di Cosenza (San Vito).

“Non potevamo perdere una simile occasione – afferma l’assessore ai lavori pubblici Nicoletta Perrotti – che, se approvata, ci consentirà di realizzare un progetto straordinario di riqualificazione urbana del nostro territorio. Si tratta di una proposta progettuale costituita da un insieme di opere tra loro funzionalmente connesse ed integrate, ubicate lungo tutto l’asse del Torrente Campagnano, fiume sottoposto a tutela in posizione strategica ad iniziare dalla zona di accesso al comune, posta al confine della città di Cosenza e di tutta la sua area sportiva, ivi compreso lo Stadio San Vito. L’intervento – ha aggiunto Perrotti – se approvato e ad avvenuto completamento, prevede un utilizzo da parte di una cospicua platea di fruitori. Difatti, le azioni di riqualificazione ambientale ed urbanistica previste in progetto, unitamente a quelle di tipo sportivo, comporterà un diversificato utilizzo delle opere, che oltre il completamento del Parco Fluviale del Campagnano favorirà la creazione di nuove attività economiche. Inoltre, la riqualificazione dell’area di Via M. Preti costituirà il centro strategico dell’intervento, con la realizzazione della nuova Sede Municipale e dell’area a verde pubblico, dove saranno presenti i centri di coordinamento delle funzioni pubbliche del progetto che chiamerà una notevole utenza giornaliera”. “Ancora una volta – chiosa l’assessore – Castrolibero si pone come esempio di buone prassi e di una visone chiara di quello che dovrà diventare, grazie anche all’utilizzo dei fondi messi a disposizione, la città. Sostenibilità, rigenerazione urbana, innovazione tecnologica ma anche fruibilità, conoscenza, tutela e valorizzazione, sono gli assi portanti su cui stiamo costruendo un modello di sviluppo intelligente e che guarda al futuro, senza dimenticare il passato ma soprattutto garantendo alla comunità di poterne usufruire nel presente”.