“A gennaio porterò al tavolo della ‘Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative regionali e delle Province autonome’ la questione delle concessioni demaniali resa difficile e complessa dalla recente sentenza del Consiglio di Stato. Siamo dinanzi a un nodo che, se non sciolto, può strozzare un settore fondamentale della nostra economia. Ognuno faccia la propria parte, Governo e Parlamento in primis, perché i titolari delle concessioni sono imprenditori i cui investimenti in attività turistiche cosi importanti vanno assolutamente difesi. E’ già grave che si sia giunti a questo punto, ma sarebbe delittuoso assistere rassegnati al rischio di mandare in fumo migliaia di posti di lavoro”.

È quanto ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso intervenendo al convegno organizzato a Catanzaro Lido dal Sindacato italiano balneari.

“L’Europa – ha asserito Mancuso – per eccesso di formalismo non può mettere in crisi i nostri punti di forza e gettare sul lastrico imprese e famiglie che hanno sempre operato nel settore balneare, tra l’altro col rischio che le concessioni, nella confusione del momento, vengano vendute in base al criterio del miglior offerente a multinazionali o finiscano in mano alla mafia. Sono pronto e disponibile a cooperare con gli operatori balneari, per promuovere iniziative istituzionali volte a difendere le ragioni di imprenditori che, invece di essere sostenuti in quanto rendono vivibili le nostre spiagge e implementato la ricchezza generale, subiscono le conseguenze di una sentenza i cui effetti possono provocare un terremoto sociale”.