RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

03 GEN, CATANZARO – USB Vigili del Fuoco Calabria come preannunciato giorni fa nella conferenza stampa pubblica tenutasi nella Sala Concerti del Comune di Catanzaro per la sicurezza, la prevenzione e la salvaguardia di ogni singolo cittadino, da pochissimi minuti ha appena lanciato a livello Regionale e Nazionale la PETIZIONE On-Line raggiungibile per tutta la cittadinanza e non solo al seguente link  https://chng.it/2spYYxGVTR.

Inoltre prima di esporvi il testo integrale della petizione, preannunciamo che la stessa petizione noi operatori del soccorso dei Vigili del Fuoco (con le nostre divise addosso) la porteremo in tutte le piazze della Calabria, partendo appunto da Catanzaro,  per poi spostarci nelle altre provincie calabresi fino ad arrivare anche nelle altre regioni d’Italia.

«ESPRIMONO Forte dissenso e contrarietà alla gestione del Soccorso Tecnico Urgente del Corpo dei Vigili del Fuoco, in quanto noi cittadini ci ritroviamo giornalmente ad attendere i soccorsi, poiché l’esiguo numero di professionisti VV.F. , che deve utilizzare i mezzi di soccorso, deve dividersi tra le varie richieste di soccorso che pervengono alle sale operative. Spesso, se impegnati in una chiamata di soccorso meno grave, la seconda richiesta di soccorso che potrebbe essere URGENTE, viene o posticipata oppure bisogna attendere l’arrivo della partenza da altre località della provincia o regione. 

RIFIUTANO L’immenso imbroglio a discapito dell’intera cittadinanza, con il grande fallimento di gestione voluto fortemente dal Ministero dell’Interno e dal Dipartimento del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, con l’accordo di alcune Organizzazioni Sindacali, con il quale attraverso il RIORDINO DEL C.N.VV.F. abbiamo avuto come conseguenza generale un fortissimo abbassamento degli Standard di Soccorso e dei tempi di risposta a noi cittadini e soprattutto l’eccessivo ridimensionamento delle attività e delle competenze del C.N.VV.F. .

EVIDENZIANO Che lo Standard Europeo del Soccorso dei VIGILI del FUOCO  è di 1 VF Permanente ogni 1.500 abitanti, di conseguenza in Italia l’organico dovrebbe essere portato per mantenere gli Standard minimi a circa 60.000 unità permanenti su tutto il territorio nazionale  (numero di unità attuali è di 26.932 VV.F.), il rapporto diversamente in Italia è di 1 VF Permanente ogni 15.000 abitanti – a ciò aggiungiamo che molti VV.F. operativi sono impegnati NON direttamente con il soccorso alla popolazione  (ufficio, magazzini, leggi speciali, aeroporti, ecc..), quindi ad essere operativi sulla “strada” per noi cittadini, in realtà sono meno della metà del dato riportato in precedenza.  

AFFERMANO Che a differenza degli altri Corpi dello Stato italiano e dei pompieri di ogni stato europeo il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco italiano è l’unico Corpo ad avere una cronica e drastica carenza di organico, al punto tale che il personale in attività di Soccorso spessissimo si trova a raddoppiare i turni di servizio di 12 ore continuative, quindi 24H continuative, nei casi peggiori anche triplicati!

CHIEDONO Per quanto sopra espresso e documentato – l’espletamento e l’assunzione tempestiva della Procedura speciale di Stabilizzazione dei Precari VV.F. in essere (graduatoria in vigenza fino ad esaurimento, della stessa) l’assorbimento di tutte le graduatorie aperte; affinché noi cittadini possiamo avere una copertura in materia di soccorso h/24 nei tempi previsti dalla norma (almeno entro i venti minuti) e non attendere che per salvare una vita umana si debba sperare nell’arrivo delle partenze da altre provincie o regioni».