L’Amministrazione Comunale, nonostante le difficoltà del momento, legate al Covid – 19, non mancherà di celebrare, in collaborazione con le scuole cittadine e con l’Anpi della provincia di Cosenza la ricorrenza che ricorda le vittime dell’Olocausto.

l programma della giornata del 27 gennaio, nel rispetto delle regole imposte dal Covid, prevede la deposizione di una corona sulla pietra monumentale che ricorda i cittadini di Diamante che, nel corso della seconda guerra mondiale, furono martiri della barbarie nazifascista. 

Seguirà un incontro che si svolgerà in videoconferenza, e che vedrà ospite Lucio Allegretti che, assieme ai rappresentanti dell’Anpi, dialogherà, online, sui temi della giornata con gli studenti dell’Istituto comprensivo e dell’Iiss di Diamante. Lucio Allegretti , figlio di un deportato nel campo di concentramento nazista di Dachau, è stato oggetto di minacce e aggressioni verbali di stampo antisemita.

“Pur con le limitazioni richieste dal Covid – afferma il sindaco di Diamante, Senatore, Ernesto Magorno – non vogliamo rinunciare ad un appuntamento come la Giornata della Memoria, al quale abbiamo sempre dato grande rilevanza e attenzione. Ricorderemo i nostri concittadini vittime del nazifascismo e quest’anno, grazie al contributo di Lucio Allegretti, avremo una importante testimonianza di chi, come lui, è stato vittima dell’intolleranza che vogliamo combattere con iniziative di conoscenza e sensibilizzazione rivolte soprattutto ai più giovani”.