“È necessario collaborare e adeguare il sistema di raccordo tra le Aziende sanitarie, gli Enti locali e la Regione Calabria per rispondere a vecchi e nuovi bisogni delle persone con problemi di dipendenze”. È questa la prima istanza del nuovo Presidente del Coordinamento regionale enti accreditati Calabria, Roberto Gatto, eletto nel corso dell’assemblea straordinaria che si è tenuta martedì scorso, 18 gennaio, nei locali di Sala sintonia a Lamezia Terme. Assemblea che ha rinnovato tutte le cariche sociali del Crea e adeguato lo statuto al nuovo Codice del terzo settore.

A Giuseppe Peri, del Centro di accoglienza ‘L’ulivo’ di Tortora, succede Roberto Gatto, responsabile dell’area dipendenze dell’Associazione comunità ‘Progetto Sud’. I suoi vice sono: Luigi Barletta della Cooperativa ‘Agorà Kroton’ e Giovanni Pitrolo della ‘Casa del Sole’ di Reggio Calabria. Il direttivo è composto da Vittoria Scarpino del ‘Ceis’ di Catanzaro, Cataldo Golino del ‘Cast’ di Cirò Marina, Fiammetta De Salvo della Cooperativa ‘Il Mandorlo’ di Cassano allo Ionio e Giuseppe Peri del Centro Accoglienza ‘l’Ulivo’ di Tortora.

Nel ringraziare il presidente uscente Peri per il lavoro svolto, Roberto Gatto ha sottolineato come il sistema Calabrese “non è adeguato a rispondere a nuovi bisogni, per come emersi dalla conferenza nazionale di Genova lo scorso novembre. In Calabria – ha continuato – non esistono le strutture specialistiche, pur previste dal regolamento regionale, con conseguente emigrazione dei pazienti con problemi di dipendenza in altre regioni.  Altri settori di impegno rimangono la prevenzione che anche a causa della pandemia da Covid-19 è completamente scomparsa dalla programmazione regionale e locale ed il reinserimento sociale e lavorativo che in questo periodo di enorme crisi economica rimane un altro tassello mancante dalla programmazione regionale”.