24 MAG, COSENZA – È in finale al Festival del Cinema di Cefalù,
dopo aver già conquistato le finali del Rotari Film Festival
(Rofife), dell’Heart International Film Festival (Hiff),
dell’Hallucinea Film Festival, del Festival Appuntamentoinnero
ed ha vinto il Diamond Eye come miglior thriller.
Prodotto e scritto da Barbara Pasqua (direttore della scuola di
recitazione cinematografica Arti Blu Academy) e diretto da Alberto
Celestino (“Denis Bergamini” e “Una storia segreta”), ha un cast
tutto calabrese che nulla ha da invidiare ai colleghi
internazionali.


Il protagonista è Andrea Marozzo (“L’eroe” e “Ostaggi”) che ha
dovuto indossare i difficili panni de El Diablo in persona, anche
se lo scopo intimo del cortometraggio è quello di condurre lo
spettatore ad una riflessione interiore sull’importanza delle
scelte; come dice il regista Celestino “con le differenti tecniche
di ripresa, live action, green screen e b-roll ed un montaggio
estremamente dinamico, ho voluto rappresentare la velocità di
pensiero che a volte, nella vita, ci porta a fare la scelta
sbagliata”.
Nel cast anche l’attore ottantenne Nino Muoio e gli attori
Cristina Raffaele, Alessandro Cipolla, Angelica Kravchuk, Andrea
De fazio, Silvia Cosentini e Maria Grandinetti.
Un corto indipendente di cui è orgogliosa la produttrice Barbara
Pasqua “è facile girare grandi prodotti quando si hanno sotegni
finanziari esterni, ma noi siamo riusciti a brillare lo stesso,
questo significa che il cortometraggio vale: vale il cast, vale il
regista, la sceneggiatura e le location” è infatti completamente
girato nell’interland cosentino. È in lizza per numerosissimi
altri festival, quindi ne sentiremo ancora parlare.