RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

17 LUG, BISIGNANO (CS) – In un momento di grande disagio, dovuto al caro prezzo e alla recrudescenza della pandemia, le zone a vocazione agricola di Bisignano soffrono ancora di più a causa di alcuni fenomeni che riguardano soprattutto alcune zone periferiche della città. Nei mesi scorsi si sono susseguite diverse segnalazioni di furti o tentate intrusioni nelle proprietà private e ancora oggi la popolazione risulta fortemente condizionata da questo continuo timore.
A tutto questo bisogna aggiungere le difficoltà delle tante aziende del settore agricolo e agrituristico che, tentando di sopravvivere a questo difficile frangente, si trovano a fare i conti con una crescente presenza di attività che, non rispettando le stringenti normative del settore, condizionano negativamente un mercato già fortemente compromesso. In alcuni casi si segnalano evidenti abusi anche di tipo edilizio che permettono lo svolgimento di attività non previste in alcune zone che violano importanti vincoli urbanistici presenti soprattutto nelle zone agricole. Non per ultima, la questione ambientale che continua a preoccupare i cittadini e gli imprenditori agricoli che vedono minacciata la riconoscibilità della qualità delle produzioni bisignanesi. La necessità avvertita dalla popolazione è quella di un maggiore controllo per garantire sicurezza, salubrità del territorio e per evitare che pochi “furbetti” che non rispettano le regole possano prevaricare i tanti Bisignanesi che cercano di affrontare questo difficile momento con impegno e onestà.