Crescono i ricoveri in terapia intensiva ma calano in area medica

02 APR, CATANZARO – Dodici morti, una delle cifre più alte registrate da inizio pandemia, e 465 nuovi positivi al Covid in Calabria. Sono i dati che emergono dal bollettino quotidiano del dipartimento Salute della Regione.

Il totale delle vittime sale a 835, mentre il rapporto tamponi-positivi è del 12,44% (ieri 13,29). Sul fronte ricoveri, calano di 2 quelli in area medica (406) ma aumentano dello stesso numero in terapia intensiva (36) e crescono di 165 gli isolati a domicilio (10.359). 288 sono i nuovi guariti (36.309) mentre i casi attivi passano dai 10.636 di ieri ai 10.801 di oggi. Anche oggi il maggior numero di casi giornalieri si è registrato in provincia di Cosenza seguita da Catanzaro (98), Reggio Calabria (93), Crotone (85) e Vibo Valentia (12). Ad oggi sono stati sottoposti a test 634.571 soggetti per un totale di 675.137 tamponi fatti con 47.945 positivi.
    Territorialmente, da inizio pandemia, i casi positivi sono distribuiti a: Cosenza: casi attivi 5.300 (110 in reparto Azienda ospedaliera di Cosenza; 18 in reparto al presidio di Rossano; 15 al presidio ospedaliero di Acri; 18 al presidio ospedaliero di Cetraro; 0 all’ospedale da Campo; 18 in terapia intensiva, 5.121 in isolamento domiciliare); casi chiusi 9.630 (9.267 guariti, 363 deceduti). Catanzaro: casi attivi 2569 (58 in reparto all’Azienda ospedaliera di Catanzaro; 10 in reparto al presidio di Lamezia Terme; 26 in reparto all’Azienda ospedaliera universitaria Mater Domini; 12 in terapia intensiva; 2.463 in isolamento domiciliare); casi chiusi 4.461 (4.356 guariti, 105 deceduti). Crotone: casi attivi 977 (40 in reparto; 937 in isolamento domiciliare); casi chiusi 3.184 (3.130 guariti, 54 deceduti). Vibo Valentia: casi attivi 524 (16 ricoverati, 508 in isolamento domiciliare); casi chiusi 3.833 (3.763 guariti, 70 deceduti). Reggio Calabria: casi attivi 1.380 (83 in reparto all’Azienda ospedaliera di Reggio Calabria; 12 in reparto al presidio ospedaliero di Gioia Tauro; 6 in terapia intensiva; 1.279 in isolamento domiciliare); casi chiusi 15.727 (15.484 guariti, 243 deceduti). Altra Regione o stato estero: casi attivi 51 (51 in isolamento domiciliare); casi chiusi 309 (309 guariti).