Avviso conclusione di indagini ad alcuni dipendenti dell’azienda Calabria Verde

Avrebbero timbrato il cartellino sul luogo di lavoro per poi dedicarsi a tutt’altro. Sono accusati, a vario titolo, di truffa aggravata e continuata 14 dipendenti di “Calabria Verde”, azienda in house della Regione Calabria, ai quali, dalle prime luci dell’alba, i carabinieri della Compagnia di Rogliano, supportati da personale del Comando Provinciale di Cosenza, hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso dalla Procura di Cosenza.


    I soggetti coinvolti risiedono nei comuni di Rogliano, Domanico, Figline Vegliaturo, Grimaldi, Marzi, Parenti, Paterno Calabro, Rende e Santo Stefano di Rogliano. L’ attività investigativa , tuttora in corso, ha consentito di smascherare un nutrito gruppo di presunti “furbetti del cartellino”, oltre che di individuare irregolarità amministrative nei confronti di svariate decine di altre persone. Maggiori dettagli saranno forniti al termine dell’operazione denominata “Hall Pass”, dal Comandante della Compagnia Carabinieri di Rogliano, Cap. Mattia Bologna.