I Carabinieri non li hanno trovati in casa, erano in giro nel paese

14 MAG, SAN LUCA – Positivi al tampone molecolare erano usciti da casa normalmente come se nulla fosse, non ottemperando al provvedimento di quarantena domiciliare firmato dal sindaco che avrebbero dovuto rispettare. Fratello e sorella di 24 e 29 anni, di San Luca, in provincia di Reggio Calabria, sono stati trovati a spasso per il paese e denunciati in stato di libertà dai carabinieri per violazione delle norme imposte per impedire il diffondersi dei contagi da Covid 19.


    A seguito di un controllo nell’abitazione di famiglia, i giovani non sono stati trovati in casa dai militari che, dopo gli opportuni accertamenti mirati a verificare che non avessero ricevuto autorizzazioni particolari ad uscire, hanno proceduto a denunciarli.
    I controlli dei carabinieri si inseriscono nelle attività di contrasto alla pandemia e di sensibilizzazione contro comportamenti che possano alimentare la catena di contagio. I controlli dell’Arma continueranno su tutta la provincia.