La patata della Sila igp 

L’altopiano Silano si sveglia e prepara i terreni per la semina della patata della Sila. Già da qualche settimana i nostri agricoltori sono tornati a essere operativi. Si inizia preparando il terreno per la semina dell’ortaggio più coltivato su questo altopiano: la patata. Negli ultimi periodi si stanno inserendo altri prodotti, come le verdure, le fragole e i pomodori di montagna, anche se la patata della Sila rimane la coltivazione principale. Degli altri ortaggi e frutti ci occuperemo nei prossimi appuntamenti. Mentre, ritornando alla semina delle patate, la varietà più diffusa in Sila è l’Agria a pasta gialla, ottima per essere fritta o fatta “m’pacchiusa”. Poi ci sono altre varietà che hanno caratteristiche e usi diversi, come la Nicola, ottima per essere preparata al forno, e quella a buccia rossa, ideale per preparare gli gnocchi.

Raccolta della patate igp in Sila

Negli ultimi anni, grazie al Consorzio di tutela della patata Igp, questa sta raggiungendo anche il Nord, grazie a una diffusione capillare nelle grosse catene dei supermercati. Grazie sempre al Consorzio di tutela della patata Igp è stata realizzata, in collaborazione con la Regione Calabria, un’ottima campagna di promozione che ha visto come protagonista e testimonial Federico Quaranta, volto televisivo della Rai e conduttore radiofonico della trasmissione Decanter. Adesso non vi resta che assaggiare questo fantastico prodotto coltivato in montagna e annaffiato solo con acqua di sorgente, una patata differente dalle altre per le sue caratteristiche organolettiche ma soprattutto per il suo fantastico gusto in bocca. Io vi do appuntamento sulla mia pagina Facebook e Instagram “il gastronomo con il baffo“ per scoprire insieme il fantastico patrimonio gastronomico della nostra terra.