Giorno della Memoria: scuola calabrese premiata da Ministro

0
176

“Un “‘Giorno della memoria’ importante quello percorso dalla scuola calabrese quest’anno, in particolare dall’Istituto comprensivo ‘Don Milani – De Matera’ di Cosenza che, partecipando al concorso nazionale ‘I giovani ricordano la Shoah’, indetto dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, ha ricevuto una menzione speciale con il video ‘Il filo della storia’”. Lo riferisce un comunicato dell’ufficio stampa della Giunta regionale. “Grande è stata l’emozione – si aggiunge nella nota – vissuta da Valeria e Ludovica che, in rappresentanza dei compagni delle quinte A e B del loro istituto, hanno ricevuto il premio dal Ministro Valditara in persona, partecipando alla cerimonia che si è svolta al Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella”. “È con profondo orgoglio, anche in qualità di donna di Scuola – afferma il Vicepresidente della Regione, con delega all’Istruzione, Giusi Princi – che indirizzo un plauso al Dirigente scolastico, Immacolata Cairo, alle docenti Dorotea Battista e Debora Gaudio ed ai bambini delle quinte A e B dell’Istituto ‘Don Milani- De Matera’ per la capacità con cui sono riusciti a raccontare in chiave moderna, con originalità del metodo usato e adozione di un sistema innovativo di costruzione del video, una delle pagine più drammatiche della storia del ‘900. Un riconoscimento che assume un valore ancor più alto se si considera che dei cinque istituti premiati, soltanto due sono le scuole primarie vincitrici, tra cui quella calabrese che, con il linguaggio semplice e immediato del video-racconto, è riuscita a dimostrare come la scuola debba essere il vero antidoto contro l’antisemitismo, la strada più importante per riconoscere la centralità della persona come indica la Costituzione”. “Ringrazio e mi complimento – dice ancora il vicepresidente Princi – con la comunità scolastica cosentina per questa bella pagina fatta vivere alla Scuola calabrese tutta, caratterizzata da un alto senso di responsabilità e da capacità di interpretare con metodi didattici innovativi i bisogni dei nostri studenti”.