Pnrr: M.Occhiuto, ddl riforma codice proprietà industriale

0
132

“La creatività rappresenta un fattore distintivo delle produzioni made in Italy che si basa più sulla qualità che sulla quantità. In Italia le industrie ad alta intensità di diritti di proprietà intellettuale generano oltre il 52% del Pil e contribuiscono al 28% dell’occupazione, con risultati migliori rispetto alla media Ue. Questo patrimonio immateriale va difeso con tutti gli strumenti possibili e uno di questi è proprio il disegno di legge che riforma il codice della proprietà industriale, recependo anche diverse proposte formulate da Confindustria”. Lo dichiara il senatore di Forza Italia, Mario Occhiuto. “Il Pnrr prevede la riforma del sistema della proprietà industriale per stimolare gli investimenti in innovazione e beni immateriali – prosegue – adeguando gli interventi a loro sostegno. Il disegno di legge modifica quelle normative che puntano a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali, facilitando e valorizzando la conoscenza, l’uso e la diffusione del sistema di protezione di brevetti. Il provvedimento ha l’obiettivo di incentivare gli investimenti e il trasferimento tecnologico delle invenzioni dal mondo della ricerca a quello produttivo, garantendo velocità, snellimento delle procedure e al contempo certezza dei diritti e delle tutele”.