Naufragio migranti. Piantedosi: “in queste condizioni non devono partire. E’ l’unica cosa che va detta e affermata”

Il ministro Piantedosi, nel corso della riunione ha poi assicurato che le ricerche dei dispersi proseguiranno nei prossimi giorni

0
221

“L’unica cosa che va detta ed affermata è: non devono partire. Non ci possono essere alternative. Noi lanciamo al mondo questo messaggio: in queste condizioni non bisogna partire”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, al termine dell’incontro con i rappresentanti di istituzioni e forze dell’ordine della provincia di Crotone svoltosi in Prefettura in seguito al naufragio di una motonave nella quale sono morte 59 persone. “Di fronte a tragedie di questo tipo – ha aggiunto il ministro Piantedosi – non credo che si possa sostenere che al primo posto ci sia il diritto o il dovere di partire e partire in questo modo. Io non partirei se fossi disperato perché sono stato educato alla responsabilità di non chiedermi cosa devo chiedere io al luogo in cui vivo ma cosa posso fare io per il Paese in cui vivo per il riscatto dello stesso. Dovrebbero essere tra le 20 e le 30 le persone che mancano all’appello”. Ha soiegato incontrando i giornalisti dopo il vertice in Prefettura. Il ministro, che era accompagnato dal sottosegretario Wanda Ferro e dal presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, ha comunicato i numeri dei morti: dei 59 cadaveri ritrovati finora 21 sono di uomini, 24 di donne e 14 di minori (9 maschi e 5 bambine).   “Dalle prime ricostruzioni – ha detto ancora il ministro – c’è stata una segnalazione di Frontex, un avvistamento vago per capire il target. E’ stata la precarietà con la quale è stata organizzata questa traversata che ha causato la tragedia. Perché quando è riapparsa la barca c’è stata l’impossibilità materiale di effettuare qualsivoglia manovra di avvicinamento per le condizioni meteo marine. Bisogna mettere in conto anche che i soccorsi devono non aggiungere pericolo né per i soccorritori né per le persone da soccorrere”.   Il ministro ha poi assicurato che le ricerche dei dispersi proseguiranno nei prossimi giorni.