Campo Calabro, scontri ripresi da telecamere della videosorveglianza

Maxirissa ieri tra giovani e giovanissimi a Campo Calabro, comune a qualche chilometro da Reggio Calabria. E’ scoppiata in piazza Nassirya, davanti al Municipio come è stato documentato dalle immagini delle telecamere della videosorveglianza. Poco dopo le 17, circa 40, fra ragazzi e ragazze, molti dei quali minorenni, hanno dato vita ad uno scontro collettivo in piena regola armati di mazze, bastoni, catene, protetti persino da caschi. Molti sono arrivati a bordo di scooter e microcar parcheggiati nelle immediate adiacenze della piazza e nelle vie attigue, provenienti dai centri vicini.
    Spezzoni della rissa, il cui innesco e le cui ragioni al momento non sono note, sono stati ripresi dalle telecamere del sistema di videosorveglianza del Comune e acquisiti dalle forze dell’ordine nella centrale della Polizia Locale per procedere alla ricostruzione dei fatti e alla individuazione dei soggetti identificabili.
    “Si tratta di un episodio – è scritto in una nota dell’amministrazione comunale di Campo Calabro – che ha colto di sorpresa e stupito l’intera comunità campese, una comunità pacifica, operosa e solidale nella quale mai a memoria recente si sono verificati episodi del genere ed in particolare poi che vedono protagonisti i giovani”. L’Amministrazione comunale ha manifestato parole di “ferma condanna” per un atto definito “dissennato”, e ha assicurato “ogni collaborazione affinché i responsabili siano indentificati e perseguiti dalla legge. Ci impegniamo a proseguire intensificandola la propria azione a tutela della legalità e della sicurezza dei cittadini ,dei luoghi e spazi pubblici”.