Un divieto di dimora anche per aver compiuto alcuni furti in abitazioni

03 APR, MALVITO – Due persone, A.O., di 29 anni, e M.Q. (30) sono state arrestate e poste ai domiciliari e una terza è stata sottoposta alla misura del divieto di dimora dai carabinieri delle Compagnie di San Marco Argentano e Castrovillari che, con l’ausilio di un’unità cinofila dello Squadrone eliportato Cacciatori, hanno smantellato una piazza di spaccio e una banda specializzata in furti in abitazioni.

Altre cinque sono state denunciate in stato di libertà.
    I provvedimenti, emessi dal Gip del Tribunale di Castrovillari sono stati eseguiti su richiesta della Procura di Cosenza che ha coordinato le indagini avviate nel settembre del 2018.L’attività investigativa dei carabinieri si è sviluppata a seguito di una perquisizione domiciliare che ha portato al ritrovamento di 100 grammi di marijuana e alla denuncia di cinque giovani tutti residenti a Malvito per ricettazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Dagli approfondimenti investigativi sarebbe stato possibile riscontrare, a dire dei militari, come alcuni componenti dello stesso nucleo familiare fossero dediti allo spaccio, per lo più marijuana, eroina e hashish, anche nei comuni di S. Agata d’Esaro e Fagnano Castello. Contestualmente avrebbero consentito di ricostruire cinque furti in abitazione perpetrati dai due finiti agli arresti domiciliari. Durante le indagini, i carabinieri hanno sequestrato oltre 850 grammi di marijuana, 40 grammi di eroina, 2 grammi di cocaina e 10 di hashish.