Il 70,4% delle compravendite effettuate in Calabria nel 2020 ha riguardato l’abitazione principale; il 18,8% gli acquisti per investimento e nel 10,8% dei casi si è trattato di acquisti di case vacanza. E’ quanto rileva un’elaborazione dell’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa.

“Per quanto riguarda i proprietari – riporta lo studio – nel 44,3% dei casi hanno venduto per reperire liquidita; nel 32,8% dei casi per migliorare la qualità abitativa e nel 22,9% per trasferirsi in un altro quartiere oppure in un’altra città. In Calabria il 70,9% degli acquirenti sono coppie e famiglie, mentre nel 29,1% dei casi si tratta di single. Nel 28,8% dei casi ad acquistare sono persone con un’età compresa tra 35 e 44 anni, seguiti subito dopo da acquirenti con un’età compresa tra 18 e 34 anni (24,5%) e tra 45 e 54 anni (24.3%). La tipologia più compravenduta in Calabria è il trilocale con il 37,1% delle scelte, seguito dai quattro locali che compongono il 27,9% degli acquisti”. 
Secondo quanto emerge dallo studio, rispetto al 2019 in Calabria si registra un calo della percentuale di acquisti per investimento, che passano dal 21,6% all’attuale 18,8%, l’emergenza sanitaria in corso ha infatti determinato una maggiore prudenza su questo tipo di compravendite. Cresce invece la percentuale di acquisti di case vacanza (da 8,1% a 10,8%), dopo il primo lockdown infatti si è registrato un mercato delle seconde case particolarmente dinamico. Aumenta inoltre la percentuale di acquisti da parte di giovani con un’età compresa tra i 18 e 44 anni ed in questo caso ad incidere sono i bassi tassi sui mutui che spingono sempre più spesso all’acquisto piuttosto che all’affitto.