Dipendenti chiedono che sia firmato il provvedimento per riprendere l’attività

16 GIU, CATANZARO – Nuovo capitolo nella la vertenza che vede impegnati i lavoratori delle Terme Luigiane. Un gruppo di dipendenti dello stabilimento termale hanno attuato un’occupazione pacifica e stanno stazionando nell’ ingresso della Cittadella regionale di Catanzaro.


    Le maestranze, che stamane avevano indetto una manifestazione per chiedere ancora una volta lo sblocco della vertenza che mette a rischio la ripresa delle attività dello stabilimento termale di Guardia Piemontese, sono entrati all’interno dell’edificio e hanno manifestato la volontà di rimanervi, dicono, fino a quando non otterranno risposte dalla Regione.
    Al presidente ff Nino Spirlì, i lavoratori chiedono di firmare il provvedimento per un nuovo affidamento necessario a superare il conflitto in atto tra i Comuni di Guardia Piemontese e Acquappesa proprietari delle acque termali da una parte e la società di gestione Sateca proprietaria delle strutture dall’altra.
    Allo stato, malgrado la stagione termale sia già iniziata, gli stabilimenti che, annualmente, forniscono fino a 500 mila trattamenti sono fermi e i lavoratori privi di occupazione.