29 LUG, CROTONE – E’ stato condannato ieri dal Tribunale di Crotone a 18 anni di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, un 40enne, ritenuto colpevole di violenza sessuale aggravata dal fatto di aver commesso i fatti nei confronti di minori di anni quattordici e di averli commessi con violenza grave, a causa della quale ne sono derivati pregiudizi per le vittime. L’uomo, in particolare, è ritenuto responsabile degli abusi compiuti su due sorelle sue nipoti acquisite, una delle quali da quando aveva 9 anni fino al compimento dei 16.

Lo scorso Agosto, dopo la denuncia di una delle vittime, furono avviate le indagini da parte dalla Squadra Mobile di Crotone che portarono all’arresto dell’uomo, a settembre 2019. Gli investigatori hanno raccolto una serie di testimonianze ed elementi a riscontro di quanto dichiarato dalla ragazza. Nel corso delle investigazioni è emerso anche che a subire gli abusi era stata anche la sorella minore della denunciante la quale, sentita dai poliziotti, aveva confermato le violenze subite.