Nicola Gratteri in tre scuole a Milano

0
204

Giornata milanese ieri per Nicola Gratteri, Procuratore capo di Catanzaro, che in una sorta di maratona didattica ha partecipato a ben quattro incontri pubblici, tre dei quali in altrettante scuole di Milano e dell’hinterland, dove ha incontrato alunni e genitori sui temi dell’educazione, della scuola, del bullismo e dell’antimafia, organizzati dall’associazione ‘Su la testa’.


    Alle 10 in Sala Gaber, al Pirellone di Milano, ha incontrato gli studenti insieme a Salvatore Borsellino, Giuseppe Pipitone e Angelo Corbo.

Alle 14 gli alunni della Scuola secondaria di I grado Giacomo Leopardi a Bollate (Milano); alle 17 i genitori all’Istituto comprensivo Luigi Cadorna di Milano, con Nicola Morra e Roberta Canestro, nipote del caposcorta di Borsellino, Agostino Catalano, morto nella strage di via D’Amelio insieme al magistrato e agli altri uomini della scorta.
    Nel corso dell’incontro alla scuola Cadorna, Gratteri e Morra hanno sottolineato – insieme alla docente organizzatrice dell’evento, Francesca Vita – l’importanza della scuola per “annullare la mentalità mafiosa”, e dell’altrettanto fondamentale aiuto che “deriva dall’affetto famigliare” per crescere ragazzi difficilmente abbindolabili dalle sirene dei soldi facili e del crimine.
    Alle 18.30 a Cusano Milanino (Milano) Gratteri ha poi partecipato all’incontro “Fuori dai confini. La ‘ndrangheta nel mondo”, insieme ad Alessandro Di Battista, Nicola Morra ed Aaron Pettinari.