Covid: Gimbe, giù tutte le curve ma in 37 province salita casi

0
234

Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe rileva nella settimana 3-9 marzo 2023 una discesa di tutte le curve di monitoraggio del Covid in Italia ,rispetto alla precedente. A livello nazionale si registra una diminuzione dei nuovi casi -10,1% (23.963 rispetto a 26.658) anche se in 37 Province si registra un aumento: dal +0,7% di Verona al +217,1% di Rimini. Diminuiscono del -5,3% i decessi (216 rispetto a 228). In calo anche le persone in isolamento domiciliare – 2,5 (141.005 contro 144.636), i ricoveri con sintomi – 10,2% (2.962 rispetto a 3.297) e le terapie intensive -33% (104 rispetto a 137).
“Dopo l’aumento di due settimane fa – dichiara Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe – prosegue il calo (-10,1%) dei nuovi casi settimanali, che rimangono comunque ampiamente sottostimati. Da oltre 26 mila nella settimana precedente sfiorano quota 24 mila, con una media mobile a 7 giorni di 3.423 casi al giorno”. I nuovi casi aumentano in 4 Regioni: dal +3,8% della Lombardia al +23,7% della Provincia Autonoma di Trento. In calo le restanti 17 Regioni: dal -2,1% del Friuli Venezia Giulia al -51,6% della Valle d’Aosta. In 37 Province si registra un aumento dei nuovi casi: dal +0,7% di Verona al +217,1% di Rimini. Nelle restanti 70 Province si rileva una diminuzione dei nuovi casi (dal -1,2% di Salerno al -48,2% di Aosta).
Si registra infine un calo del numero dei tamponi totali (-10,4%): da 533.212 della settimana 24 febbraio-2 marzo a 477.908 della settimana 3-9 marzo. In particolare i tamponi rapidi sono diminuiti dell’11% (-45.888), e quelli molecolari dell’8,1% (-9.416).