È difficile scrivere su Cosenza – Monza. I brianzoli sono squadra troppo superiore per poter minimamente pensare di strappare almeno un punto. Se si va a leggere la panchina dei lombardi, ci si accorge come i giocatori non titolari possano formare una squadra da ambizioni da primato. Non a caso, la gara si è decisa dalle giocate di Balotelli, D’Errico e Diow.

È già inspiegabile come il Monza, non abbia vinto il campionato. Il Cosenza non poteva opporre nulla, se non carattere e sacrificio . Anche in questo la squadra di Occhiuzzi ha fallito. Ci sta perdere, ma orgoglio e carattere non sono doti tecniche. Dove non si arriva con le qualità, bisogna arrivarci con altro. Ergo…. Ora non ci resta che sperare nel miracolo di battere il Pordenone, squadra certamente di livello molto più basso rispetto al Monza, ma non sicuramente squadra di sprovveduti o tantomeno di gente priva di carattere. Lunedì ci sarà l’ultima chiamata per i lupi, che dovranno tirare fuori tutte le energie rimaste e soprattutto tanto cuore e rispetto verso una intera tifoseria.

Paolo Carravetta