Agenti della Polizia di Stato di Cosenza hanno tratto in arresto N.M., 54 anni. Al numero di emergenza 113 è giunta una richiesta di aiuto per violenze subite da una donna da parte dell’arrestato. Giunti immediatamente all’indirizzo segnalato, una via del centro cittadino, gli agenti hanno trovato sul portone di ingresso una donna che aveva sul viso i segni di percosse ricevute. Aveva una bimba in braccio.

La stessa, in evidente stato di agitazione, ha riferito di essere stata aggredita dal proprio compagno, il quale ripetutamente e in diverse parti del corpo l’avrebbe colpita con un candelabro. Gli operatori di Polizia, dopo aver posto la donna e la piccola al sicuro e aver chiesto l’intervento dei sanitari, sono entrati nell’abitazione dove l’uomo è stato trovato in evidente stato di ubriachezza. Lo stesso non collaborando con i poliziotti ha opposto resistenza, dimenandosi violentemente, scalciando e ponendo in essere atti di autolesionismo.

N.M., è stato, poi, condotto in Questura e su disposizione dell’Autorità giudiziaria posto in custodia cautelare in carcere presso la locale casa circondariale.