La settima tappa del Giro d’Italia, con partenza da Diamante e arrivo a Potenza, mostrerà al mondo, non solo una manifestazione sportiva e agonistica, ma anche e soprattutto, le diverse e autentiche peculiarità paesaggistiche, ambientali, storiche, culturali e turistiche che da secoli la Regione Calabria e la Regione Basilicata esprimono in Italia, in Europa e nel mondo.

Per l’occasione, il presidente del Consiglio comunale di Diamante, Francesco Bartalotta e il presidente del Consiglio comunale di Potenza, Francesco Cannizzaro, hanno annunciato, sentiti i rispettivi sindaci delle due città, per Diamante il enatore Ernesto Magorno, per Potenza il Dottor, Mario Guarente,  l’avvio dell’iter  che porterà alla ratifica di un patto di gemellaggio fra le due comunità, al fine di valorizzare e costruire un’unione che  fondi  le sue basi sulla conoscenza e la valorizzazione dei rispettivi patrimoni, “così da offrire, alle due comunità – si legge in una nota stampa – una ulteriore  fonte di arricchimento culturale e sociale, nella convinzione che dalla cooperazione  si creino occasioni di  crescita   nei campi della cultura, del turismo e della vita sociale,  attraverso un’ azione interculturale tra realtà territoriali diverse”.

Il gemellaggio tra le due comunità avverrà nelle date del 20 e 23 Dicembre nei rispettivi civici consessi. Rcs Sport, società che organizza il Giro d’Italia, consegnerà alle due città di tappa  il “Trofeo senza Fine”  che dal 2000 premia il corridore vincente del Giro d’Italia.